Escursione 28 Gennaio

Domenica 28 gennaio

Parco Regionale del Matese

Anello dei Rifugi: Rifugio Valle S.Maria – Rifugio Vallatari – Rifugio M.Orso

Intersezionale tra le sezioni CAI di Piedimonte Matese e Castellammare di Stabia.

Difficoltà: EAI

Anello dei rifugi

Direttori di escursione:

Pio Gaeta – Sez. di Castellammare di Stabia 335.6339741

Sandro Furno – Sez. di Piedimonte Matese 320.2581632

 

APPUNTAMENTO: L’appuntamento è a Castellammare di Stabia al Viale Europa nei pressi della Villa Stabia  alle ore  7:00 con auto proprie.
Il primo raduno è fissato alle ore 8.30 in Piedimonte Matese,  in L.go De Benedictis nei pressi del Municipio. Appuntamento per tutti alla partenza da Valle S.Maria alle ore 9.30.

Presentazione dell’escursione
L’escursione avverrà nei boschi di faggio a quota superiore a 1400 m, in ambiente innevato, sebbene al momento la presenza di neve non è particolarmente significativa.

Caratteristiche tecniche e livello difficoltà escursione
Il percorso è complessivamente classificato come escursionistico in ambiente innevato (EAI).

Esso  si sviluppa su sentieri nel comune di Castello del Matese e San Gregorio Matese, con partenza dal Rifugio Valle Santa Maria a quota circa 1400 m. Si imbocca il sentiero 148a in direzione del Rifugio Vallatari. Da qui, a quota 1500 m ca., si attraversa la Provinciale per Campitello e si raggiunge il Pianellone, ampio e suggestivo pianoro carsico a quota 1400 m ca. Da qui si imbocca il tratto 148-13H per raggiungere il Rifugio Monte Orso, Capanna sociale del CAI Piedimonte Matese, dove si sosterà per il pranzo.

La lunghezza complessiva del percorso è di circa 7 km.

Dislivello e profilo altimetrico
Il dislivello complessivo è di circa 250 m.              Quota max 1500 mt ca.

Tempi di percorrenza
La percorrenza prevista è di 4 ore di cammino, escluso le soste. La durata delle soste è in funzione della velocità di marcia.

Per partecipare all’escursione
La partecipazione all’escursione è aperta a tutti i soci ed, eccezionalmente, anche ai non soci e simpatizzanti.

Si raccomanda di segnalare la propria partecipazione ai recapiti indicati dagli organizzatori dell’escursione.

Obblighi dei partecipanti:

  • essere fisicamente preparati e con abbigliamento ed attrezzatura adeguati all’esigenza dell’escursione;
  • attenersi esclusivamente alle disposizioni impartite dal Direttore di Escursione;
  • seguire gli itinerari stabiliti non allontanandosi dal gruppo;
  • collaborare con il Direttore di escursione per la buona riuscita della stessa.

Per i non Soci:

E’ possibile attivare, a richiesta, le seguenti coperture assicurative entro venerdì 26 alla riunione di sezione:

  • Infortuni: assicura i non Soci nell’attività sociale per infortuni (morte, invalidità permanente e rimborso spese di cura).
  • Soccorso alpino: prevede il rimborso di tutte le spese sostenute nell’opera di ricerca, salvataggio e/o recupero, sia tentata che compiuta.

Abbigliamento consigliato e dotazione personale
Si consiglia abbigliamento da escursionismo a strati (t-shirt tecnica, pile, k-way o giacca impermeabile). Pantalone lungo, preferibilmente impermeabile, calzettone  alto. Scarpe da trekking obbligatorie.

Si rammenta una lista di oggetti indispensabili per ciascun escursionista:

  • Ciaspole
  • Bastoncini
  • Occhiali da sole
  • Crema protettiva
  • Contenitore per cibarie rigido;
  • Borraccia (min. 2 lt.)
  • K-way o giacca impermeabile;
  • Ricambio del vestiario, protetto in buste impermeabili;
  • Copricapo e guanti
  • Coltellino multiuso
  • Documento di identità, Annotazioni gruppo sanguigno ed eventuali allergie, tessera sanitaria, tesserino CAI, numeri da chiamare in caso di emergenza.

Rischi e responsabilità
Le escursioni del CAI, coerentemente alla loro natura, pongono i loro partecipanti di fronte a rischi ed ai pericoli inerenti la pratica dell’escursionismo o di altre attività di montagna. I partecipanti, pertanto, iscrivendosi alle escursioni sociali, accettano tali rischi e sollevano da qualsiasi responsabilità la Sezione CAI, i Direttori di Escursione e i collaboratori, per incidenti ed infortuni che dovessero verificarsi durante l’escursione.

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *