Escursione 30 Settembre

Escursione 30 Settembre

Domenica 30 Settembre 2007

Monte Mutria (1823 m) da Capo di Campo

(Parco Regionale del Matese)

DIFFICOLTA’: E/EE

 

Direttori di escursione: Pio GAETA (335 6339741) Lello GIRACE (339 1733468)

Appuntamento con auto proprie alle ore 7,00 nei pressi dell’ospedale S. Leonardo di C.mare di Stabia oppure all’uscita di Caianello sulla Autostrada Napoli-Roma, alle ore 8.00.

DURATA ESCURSIONE: 7 ore circa. Dislivello: 800 m.

EQUIPAGGIAMENTO NECESSARIO:
Scarponi da montagna, abbigliamento escursionistico “a strati”. Giacca a vento e mantellina antipioggia, guanti, cappello, lampada frontale, pranzo a sacco ed acqua .

AVVERTENZA: Il direttore di escursione si riserva di modificare in parte l’itinerario in caso di condizioni meteo avverse o di condizioni del sentiero e capacità dei partecipanti tali da impedire la conclusione dell’escursione nei tempi prefissati.

INFORMAZIONI SULL’ITINERARIO:

Il sentiero (CAI 15L, segnato solo parzialmente) parte da Capo di Campo nei pressi della Fonte del Corvo, dove è possibile fare rifornimento di acqua. Attraversato il bosco del Bozzacchio si fuoriesce nei pressi della Serra del Perrone. Si risale la Serra Macchia Strinata (con alle spalle il meraviglioso panorama del Lago Matese contornato dal Miletto e dalla Gallinola) e si incrocia il sentiero che da sud sale dalla strada consortile di Bocca della Selva (19A).

Il 19A prosegue per una serie di anticime, intervallate da depressioni carsiche (doline) e inghiottitoi sino alla cima. Prima della cima vi è un’edicola votiva con la statua di S. Antonio.

Panorami dalla cima:
W: il troncone occidentale guarda dritto sul Lago Matese e le cime della Gallinola e Miletto;
N: si scorge, oltre il Canalone di Cusano e la diga di Guardiaregia, l’intero Molise e, nelle belle giornate, anche il mar Adriatico;
S: si apre il meraviglioso panorama sulle civite di Pietraroja e Cusano Mutri, il Mt. Erbano, il Cigno e piu’ lontano il Vesuvio e il Molare. Il lato Cusano, ingloba un giacimento di bauxite, sfruttato intensivamente dopo la I Guerra Mondiale.
E: dal Palombaro (o Palumbaro), la vetta orientale (1552m), dritto a est oltre il Moschiaturo si vede il Fortore e più a sin. i monti Dauni.

A fine escursione, chi vuole può recarsi autonomamente a Cusano Mutri per partecipare alla famosa “Sagra dei funghi”

Escursione 30 Settembre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.