Escursione 24 Marzo

Domenica 24 Marzo 2019

Monti Lattari

da Meta a Positano per Arola e Monte Comune (877m)

Difficoltà: E

DIRETTORE DI ESCURSIONE:
MASSIMO CESARO 338 9264905
GIUSEPPE ERCOLANO 393 4273868

DISLIVELLO: 850m      DURATA: 5h soste escluse      LUNGHEZZA: 10Km      TIPOLOGIA: T

APPUNTAMENTO: a Meta (stazione Circumvesuviana) alle ore 8,15, subito dopo l’arrivo del treno da Napoli/C.mare alle 8,11 (partenza da Napoli – Porta Nolana alle ore 7,09). Rientro in bus da Positano con partenza alle 15,10 – 16,40 – 17,40 oppure 18,40.

DESCRIZIONE DELL’ITINERARIO: Si parte dalla stazione (m. 93) e percorrendo via Cassari si giunge in breve sul Corso Italia, si svolta a destra e si prosegue sul Corso fino ad imboccare via Ponte Vecchio che ci conduce al caratteristico Ponte “Orazio”. Esso ci ricorda quando il ponte (luogo di accesso alla piana Sorrentina) era il luogo nel quale si pagava il dazio per l’accesso delle merci, da cui ponte del dazio tradotto poi in ponte O’razio.
Al ponte si svolta a sinistra su v. Casa Starita che si percorre per intero fino alla ampia via Tommaso Astarita. Si svolta quindi subito a sinistra sulla ripidissima via Grottelle, vecchia via di accesso alla Penisola Sorrentina prima che fosse realizzato il tracciato sulla litoranea (ovvero la SS Sorrentina). Il tratto iniziale è molto ripido, poi c’è un tratto intermedio quasi chiuso dalla vegetazione spontanea ed infine un tratto finale cementato in leggera ascesa fino alla piazza di Arola (m. 421). Da quì prendiamo il sentiero CAI 450 fino alla Sella di Arola col caratteristico cancello e portale semicrollato. Svoltiamo sulla sinistra e seguiamo il più noto sentiero CAI 300, con tratti a volte ripidi fino alla vetta o meglio al pianoro sommitale di Monte Comune (m. 877).
Si attraversa il panoramico pianoro, sempre seguendo il 300, e si prende a scendere in direzione di S. Maria del Castello. Il percorso è a tratti ripido ma spettacolare con vedute sorprendenti sulla Costiera Amalfitana. Si raccomanda in discesa l’utilizzo dei bastoncini: il sentiero è ripido e scivoloso e presenta tratti su roccia insidiosi. Al termine della discesa (m. 652) invece di proseguire con saliscendi fino a S. Maria del Castello si svolta sulla destra (cartello segnaletico) e si prende a scendere per il s. CAI 333a. Con tratti ripidi, ed a volte anche scivolosi, lo si percorre quasi per intero fino ad una a sorta di rifugio privato (m. 310 circa) in località Capodacqua dove, previa prenotazione, è possibile gustare una ottima pizza cotta nel forno a legno.
Quì ci fermeremo e quanti vorranno potranno gustare la pizza. Al termine ancora poco più di 15 minuti e ci ritroveremo, al termine di una ripidissima discesa, sulla strada statale 163 Amalfitana, nei pressi del bivio per Montepertuso (m. 210). Da questo punto ancora circa 500 metri e giungeremo alla fermata di Positano (Chiesa Nuova m. 149) dove si conclude la ns. escursione e prenderemo il bus per Meta o Sorrento. Avendo tempo a disposizione quanti vorranno potranno scendere al centro di Positano e tornare più tardi a loro piacimento.

ATTENZIONE: Ll’escursione prevede la sosta al rifugio privato di Capodacqua quasi al termine dell’escursione ovvero intorno alle 13,30. Presso il rifugio sarà possibile, per quelli interessati, gustare una ottima pizza e birra. Coloro che intendono approfittare di questa opportunità devono necessariamente contattare i Direttori di Escursione entro venerdì 22 marzo alle ore 19,00 fornendo anche un numero telefonico.

EQUIPAGGIAMENTO: Scarponi da montagna, abbigliamento escursionistico “a strati” (data la quota è possibile trovare temperature rigide anche in autunno), giacca a vento e/o mantellina antipioggia, pranzo a sacco, acqua, bastoncini telescopici, torcia.

AVVERTENZA: I direttori di escursione si riservano di modificare in parte l’itinerario in caso di condizioni meteo avverse o di condizioni del sentiero e capacità dei partecipanti tali da impedire la conclusione dell’escursione nei tempi prefissati.

Condividi
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *