Escursione 20 Aprile

SABATO 20 APRILE 2019

Monte Friento (770 m)

Difficoltà: E

DIRETTORE DI ESCURSIONE :PASQUALE IADICICCO:TEL.3664637643

PERCORSO A.R.DA FONTANA LAZZARO (472 M) A MONTE FRIENTO (770 M)

DISLIVELLO: 300 M DURATA: 4.00 COMPRESO SOSTE

 DIFFICOLTÀ: E- LUNGHEZZA: 5 KM

L’ESCURSIONE SI FARA’ SOLO SE ARRIVERANNO  ADESIONI AL DIRETTORE DI ESCURSIONE MEDIANTE TELEFONATA O MESSAGGIO SMS ENTRO IL GIORNO 19.4.2019;

 APPUNTAMENTO USCITA CASELLO AUTOSTRADALE DI CASERTA NORD DA CONCORDARE TELEFONICAMENTE CON IL DIRETTORE DI ESCURSIONE

 

DESCRIZIONE

Il  percorso inizia da fontana Lazzaro, dall’area  pic-nic caratterizzata da  grandi  cerri;

Il Cerro (Quercus cerris) è un grande albero che può arrivare a 35 m di altezza con un diametro del tronco che di conseguenza supera il metro. Non è longevo come altre querce (Rovere e Farnia per esempio). Il tronco è dritto e slanciato da cui partono branche robuste, le più basse sono a andamento orizzontale e corte, poi diventano sempre più ascendenti e sinuose. La chioma dapprima è ovale, poi diventa globosa e mediamente densa.

– Fontana  Lazzaro si  raggiunge dall’abitato di Villa nel comune di Liberi, ubicazione nei pressi  dell’incrocio delle strade provenienti da Pontelatone-Treglia, da Castel di Sasso ed appunto da Villa.

Il monte Friento fa parte della catena dei  monti Trebulani.

-Il panorama che si osserva in vetta è piu’ o meno uguale a quello che si osserva sull’intera catena dei Trebulani e cioè:

<il mar Tirreno, il Vesuvio, le isole campane, i monti del Partenio, del Taburno, del Matese e del Maggiore fino a Roccamonfina.>

nota per la difficoltà “E”

-La seconda parte del percorso essendo  su rocce necessita avere scarpe  da  trekking e bastoncini telescopici.

 – Escursionistica: richiede un certo allenamento per la lunghezza del percorso e/o dei dislivelli da superare che normalmente è compreso tre i 500 e 1000 metri.  E’ un itinerario che si snoda su sentieri di ogni genere  quasi sempre segnalati, su tracce evidenti,  ma anche su pascoli e non presenta di norma tratti esposti o, nel caso di brevi passaggi o traversate su ripidi pendii con protezioni come barriere o cavi. Può richiedere un certo senso di orientamento e conoscenza del terreno montagnoso e necessita di un allenamento alla camminata e di calzature ed equipaggiamento adeguato
Condividi
  • 7
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *