Escursione Domenica 13 Marzo 2022

Escursione Domenica 13 Marzo 2022

Domenica 13 Marzo

Sentiero delle Sirenuse: Sorrento – Picco S.Angelo – Malacoccola – Torca – Sorrento

DIRETTORI DI ESCURSIONE:
Massimo Cesaro 338 9264905 – Maria Grazia Spronati 340 3712287

DISLIVELLO: 700m       DURATA: 5h soste escluse      LUNGHEZZA: 15Km      TIPOLOGIA: A

APPUNTAMENTO: alle ore 9,15 circa alla Stazione della Circumvesuviana di Sorrento, in corrispondenza dell’arrivo del treno delle 8,11 da Napoli o 8,46 da C.mare di Stabia.

DESCRIZIONE ITINERARIO: Appuntamento alla stazione di Sorrento dove raggiunta brevemente Via Degli Aranci proseguiamo su Via Marziale per giungere infine sulla Via S. Renato. Seguiamo brevemente questa strada per lasciarla al secondo incrocio e proseguire, sulla sinistra, percorrendo Via S. Valerio. Dopo qualche centinaio di metri giungiamo in località Lavaturo che prende il nome dagli antichi lavatoi pubblici. Superati i lavatoi proseguiamo ancora fino ad incontrare, sulla destra, le scale dell’antico “sentiero delle sciuscelle”, così denominato per la presenza di grossi alberi di carrubo. Il panorama su Sorrento è molto bello e, non a caso, gli scorci da questo sentiero sono stati rappresentati in molte stampe e vedute del passato. Dopo un tratto breve ma ripido giungiamo in una grossa piazza con un belvedere posta all’incrocio di Via Belvedere e via Casarlano. Dopo aver ammirato ancora lo splendido panorama continuiamo su via Casarlano (sulla destra) fino ad incontrare sulla sinistra prima la Chiesa di Casarlano e quindi il bivio di via Gradoni. Anche il nome lo suggerisce, affrontiamo adesso il tratto più ripido del percorso che ci porterà nei pressi del Picco S. Angelo punto panoramico sui Golfi di Napoli e Salerno. Un breve tratto in discesa, seguendo la strada statale, ci condurrà in un tornante dal quale imboccheremo finalmente il sentiero sterrato, dove ha inizio il vero e proprio “Sentiero delle Sirenuse”, fino a questo punto circa 1 ora e 30 minuti di cammino da Sorrento soste escluse.
Il sentiero ci condurrà alla frazione Torca di Massa Lubrense in circa un’ora e mezzo di cammino ed è caratterizzato dalle splendide visioni della costiera Sorrentino-Amalfitana, dal Capo Sottile di Praiano alla Punta Campanella e fino a Capri, ed in particolare dalla suggestiva visione degli isolotti de “Li Galli” dove, come narra la leggenda, si vuole che Ulisse fosse stato attratto dai canti ammalianti delle Sirene.
Il percorso seguendo una balconata rocciosa panoramica ci porterà dapprima al promontorio della Malacoccola (m. 462) il punto più spettacolare. Da questo punto ha inizio il tratto più impegnativo. Una ripida discesa (fare molta attenzione) attraverso uno stretto sentierino ci farà scendere sui terrazzamenti che dalla località Borra si susseguono senza interruzioni fino a Torca. Il tracciato segue adesso i continui saliscendi del terreno attraversando canaloni fitti di vegetazioni e terrazzamenti con le tipiche piante di ulivo. Le prime case che incontriamo ci annunciano la frazione Torca di Massa Lubrense.
Da questa località in 20/30 minuti raggiungiamo S. Agata ottimamente servita da bus di linea. A questo punto, dopo aver percorso la parte più bella dell’escursione, quanti fossero stanchi potranno ritornare in circa mezz’ora alla stazione di Sorrento prendendo un bus di linea.
Quanti invece avessero ancora voglia di camminare dovranno seguirmi fino a Sorrento. Percorreremo da S. Agata un tratto dell’antico sentiero denominato Acquacarbone, da pochi anni ripristinato, per giungere dopo circa mezz’ora in località Crocevia di Priora (frazione di Sorrento) Da qui, nei pressi della chiesetta di S. Maria del Toro prenderemo, sulla sinistra, la stradina, che poi si trasforma in lunga scala a tornanti, che ci condurrà in circa mezzora, in località S. Antonio di Sorrento nei pressi dell’omonima Casa di Riposo per Anziani. A noi, bisognosi a questo punto di riposo, basterà percorrere ancora 10-15 minuti di cammino per tornare finalmente alla stazione della Circumvesuviana e concludere la giornata.

TEMPI DI PERCORRENZA: Ore 4/5 di cammino effettivo (tempo variabile in relazione al numero e capacità dei partecipanti) per circa 14/15 km. di percorso totale.

EQUIPAGGIAMENTO NECESSARIO: Scarponi da montagna, abbigliamento escursionistico “a strati”, giacca a vento o mantellina antipioggia, pranzo a sacco ed acqua, lampada frontale e bastoncini telescopici.

DIFFICOLTA’: E – Ma attenzione nella discesa dalla Malacoccola! Qualche passaggio esposto e scivoloso.

DISLIVELLO: 700 metri circa in salita ed altrettanti in discesa per il percorso completo, considerando i vari saliscendi del percorso.

AVVERTENZA: I direttori di escursione si riservano di modificare in parte l’itinerario, di annullarlo in caso di condizioni meteo avverse o di condizioni del sentiero e capacità dei partecipanti tali da impedire la conclusione dell’escursione nei tempi prefissati. I cani sono ammessi ma rigorosamente al guinzaglio.

Sulla base del protocollo operativo predisposto dal C.A.I. Centrale, i partecipanti sono invitati a scaricare e a prendere visione del seguente documento:

* Protocollo riavvio dell’attività escursionistica e cicloescursionistica – Note operative partecipanti Scarica il documento

* Modello di autodichiarazione per l’attività escursionistica e ciclo escursionistica Scarica e compila il documento

ATTENZIONE: Saranno ammessi all’escursione solo i soci in regola con l’iscrizione che avranno preventivamente comunicato al direttore la loro partecipazione e dotati di Green Pass base.

ISCRIZIONI: I non soci, che intendono partecipare all’ escursione, devono comunicare, entro il giovedì precedente, i propri dati anagrafici ai Direttori di Escursione per la stipula dell’assicurazione giornaliera al costo di Euro 6,00.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.