Sabato 07 maggio 2022 il Complesso di Monte Sant’Angelo a Tre Pizzi

Sabato 07 maggio 2022 il Complesso di Monte Sant’Angelo a Tre Pizzi

Sabato 07 maggio 2022

Complesso di Monte Sant’Angelo a Tre Pizzi

Monte San Michele (Il Molare, 1444 m) – Monte di Mezzo (Il Canino, 1426 m) – Monte Catiello (La Cardara, 1390 m).

DIRETTORE DI ESCURSIONE

 Riccardo Ballo cell. 331 3237166

Percorso A: Castellone (1233), 1ª volta Sella Monte Catiello/Monte di Mezzo (1325), Monte Catiello (1391), 2ª volta Sella Monte Catiello/Monte di Mezzo (1325), Monte di Mezzo (1426), 3ª volta Sella Monte Catiello/Monte di Mezzo (1325), Monte San Michele (1444), Castellone (1233).

Dislivello: 400 m; Durata: 7 ore; Difficoltà: EE; Distanza: 10 Km.

Appuntamento con auto proprie alle ore 08:00, presso la fermata dell’autobus di Viale Puglia in Castellammare di Stabia (di fronte al Centro Laser srl) o direttamente al Belvedere del Monte Faito alle ore 09:00.

L’escursione è riservata ai soli soci ed è obbligatoria la prenotazione da effettuarsi entro e non oltre le ore 15.00 di venerdì 06.05.2022.

Attenzione: il percorso richiede adeguata preparazione per la presenza di numerosi tratti esposti e passaggi su roccia.

Descrizione itinerario: dopo aver parcheggiato le autovetture in località Il “Castellone” (1233), in prossimità del Santuario di San Michele, si imbocca il sentiero nr. 300/350 in direzione del “Molare” per poi svoltare sul sentiero nr. 300 lungo il “Palmentiello”; si raggiunge così l’incrocio con il sentiero 329A, in prossimità di Colle Garofalo (1052) e si prosegue verso Capo Muro (1079), sino  al punto sul quale bisogna svoltare a destra seguendo una traccia che si inerpica fino alla Sella Monte Catiello/Monte di Mezzo (1325). Dalla Sella inizia la salita verso la prima delle tre cime, il Monte Catiello (1391), percorrendo una traccia posta sul fianco settentrionale, inoltrandosi a tratti nella macchia per arrivare al punto dal quale risulta più agevole la salita fino alla cima. Dalla cima di Monte Catiello (1391) si scende per un breve tratto lungo il sentiero 329E verso Capo Muro (1079), per poi svoltare nuovamente a destra, proseguendo questa volta sul fianco meridionale del Monte Catiello (1391) per riportarsi nuovamente sulla Sella Monte di Mezzo/Monte Catiello (1325). Da qui inizia la salita verso il Monte di Mezzo (1426), la seconda cima in ordine di altezza, da considerarsi impegnativa in quanto prevede continui passaggi su roccia, e, dopo aver raggiunto la cima si ritorna sullo stesso percorso di nuovo alla sella Monte di Mezzo/Monte Catiello (1325). Da questo punto, si percorre in discesa la stessa traccia utilizzata in salita per raggiungere la Sella sino a raggiungere la biforcazione sulla quale si innesta il sentiero dello “Scalandrone”, segnalato come tratto pericoloso in quanto caratterizzato da alcuni passaggi esposti e da forti pendenze e che, come si è potuto verificare, è reso ancora più difficoltoso per la presenza di numerosi alberi caduti che costituiscono un ulteriore intralcio. Attraverso lo “Scalandrone” ci si porta di nuovo sul sentiero 300/350 per raggiungere la terza cima, il Monte San Michele (1444). Per il ritorno si percorre al contrario il sentiero 300/350 in direzione del “Castellone” (1233).

EQUIPAGGIAMENTO NECESSARIO: Scarponi da montagna, abbigliamento escursionistico “a strati”, bastoncini telescopici, torcia, crema solare, cappellino ed occhiali da sole, mantellina per la pioggia. Dotazioni personali di acqua, snack e pranzo al sacco.

A V V E R T E N Z E

a) l’escursione è riservata ai soli soci;

b) il percorso richiede adeguata preparazione per la presenza di numerosi tratti esposti e passaggi su roccia.

c) è obbligatoria la prenotazione da effettuarsi entro e non oltre le ore 15.00 di venerdì 06 maggio;

d) Sulla base dell’ultimo aggiornamento al protocollo operativo, predisposto dal C.A.I. Centrale in data 30.03.2022, per le attività all’aperto non è prevista alcuna limitazione soggettiva collegata al possesso del green-pass, né limitazioni numeriche per i partecipanti; inoltre non è più necessario il modulo di autodichiarazione;

e) il direttore di escursione si riserva di modificare in parte l’itinerario in caso di condizioni meteo avverse o di condizioni del sentiero e capacità dei partecipanti tali da impedire la conclusione dell’escursione nei tempi prefissati.

f) gli accompagnatori per la loro responsabilità si riservano di non ammettere all’escursione tutti coloro che non siano adeguatamente attrezzati e sufficientemente allenati.

 

CONDIZIONI FISICHE

Si richiede buona preparazione fisica e senso di responsabilità a ciascuno dei partecipanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.