20 novembre – Giornata nazionale del Sentiero Italia CAI

20 novembre – Giornata nazionale del Sentiero Italia CAI

Domenica 20 Novembre 2022

Giornata Nazionale del Sentiero Italia CAI

Escursione organizzata dalla sezione CAI di Piedimonte Matese

Da Piedimonte Matese al valico del Monte Raspato

DIFFICOLTA’: E

Direttori: Franco Panella (329.3728748) e gli Accompagnatori della Sez. CAI di Piedimonte Matese

Referente per Castellammare: Raffaele Luise (339.2040444)

Appuntamento con auto proprie al Viale Europa nei pressi dell’Ospedale di Castellammare di Stabia alle ore 7:15

Incontro con gli altri partecipanti a Piedimonte Matese in Via Federico Lupoli alle ore 9:00

Durata: 7 ore – Dislivello: 1000 m – Lunghezza: 17 km

EQUIPAGGIAMENTO NECESSARIO: Abbigliamento a strati da escursionismo adatto alla stagione: scarpe da trekking, pantaloni lunghi, t-shirt, pile, calzettoni, cappellino, guanti,
giacca antivento/antipioggia, occhiali da sole, bastoncini telescopici, acqua (almeno 1 l e mezzo), colazione a sacco.  In considerazione della lunghezza del percorso e delle ridotte
ore di luce, si consiglia di dotarsi di torcia frontale.

DESCRIZIONE DELL’ITINERARIO:

L’intero percorso si sviluppa lungo le tappe del Sentiero Italia CAI che dal centro abitato di Piedimonte Matese conducono al valico del Monte Raspato.
L’escursione ha inizio dal punto di ritrovo in Via Federico Lupoli, nei pressi del Comune di Piedimonte Matese, da qui ci si dirige verso Piazza Roma e si percorre successivamente
Via Ercole D’Agnese. Superata la Cappella di San Biagio, si prende la stradina in mattoni sulla sinistra (via S. Marcellino) che conduce al Palazzo Ducale. Seguendo la segnaletica si
prosegue lungo il Vicolo San Giovanni fino raggiungere l’imbocco della mulattiera che conduce alla Cappella del Purgatorio ai piedi del centro abitato di Castello del Matese.
Continuando a seguire i segnavia, si percorrono le stradine del paese fino ad arrivare alla panoramica Piazza Roma, che offre una meravigliosa vista su tutta la valle alifana.
Ci si dirige verso la rotonda sulla SP 331, visibile dalla piazza, si imbocca la stradina che prosegue in direzione nordovest e la si percorre per circa 1 km fino ad incrociare nuovamente la strada provinciale.Si prosegue sulla SP331 fino ad incontrare una traversa sulla destra che conduce alla località San Donato e successivamente al centro abitato di San Gregorio Matese. Si attraversa il paese percorrendone i vicoli, all’uscita dal centro abitato, dopo aver attraversato la strada asfaltata, si prosegue all’interno della pineta (Via Crucis) e si giunge fino al Valico di Santa Croce. Da qui, attraversata la strada SP 331, si imbocca la carreggiata asfaltata per circa 600 m che dopo una leggera salita lascia spazio ad un’antica mulattiera che si addentra nel bosco. Il sentiero è abbastanza semplice, ampio e sempre piuttosto agevole da percorrere con le tipiche sonorità della quiete montana e i profumi inconfondibili della flora tipica di queste altitudini. Dopo circa 1 km di percorso lungo l’antica mulattiera, è possibile ammirare l’abbeveratoio “Fonte Nevera” (1106 mt) che sorge poco più in basso del Monte Raspato (1248 mt) ad Ovest.
Proseguendo lungo la mulattiera, alla quota di circa 1200 mt, si giunge al Valico del Monte Raspato, punto di arrivo dell’escursione, che mostra l’affaccio, da un lato sul Lago Matese con alle spalle il Monte Miletto, e dall’altro sulla vallata di Piedimonte Matese con l’orizzonte marino in lontananza. Il ritorno è sullo stesso percorso di andata.

Avvertenze
1) i tempi di percorrenza sono calcolati in eccesso;
2) i direttori di escursione si riservano di modificare in tutto o in parte l’itinerario in considerazione delle condizioni meteorologiche e dei tempi di percorrenza;
3) i direttori si riservano di escludere dall’escursione i prenotati non adeguatamente attrezzati;

I PARTECIPANTI SONO PREGATI DI COMUNICARE LA PROPRIA PARTECIPAZIONE ALL’ESCURSIONE CONTATTANDO IL REFERENTE DEL CAI DI CASTELLAMMARE RAFFAELE LUISE (339.2040444)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *